Percorso: Home > Profumo di caldo, profumo di buono

La Gioi - Ristorantino

Profumo di caldo, profumo di buono

Notizia del 21/10/2016

Scritto da admin

Con i primi giorni di pioggia, l'aria rinfresca subito.

Improvvisamente si ha voglia di chiudere le finestre e guardare da dentro casa, il sole che gioca con gli alberi a fare le ombre lunghe. Le foglie degli ippocastani sono le prime a cambiare colore, si seccano tanto velocemnte, quanto sono veloci in primavera a sbocciare.

L'autunno sta bussando alla porta! E' per me, la stagione più bella !! :D

E così, impastando farina, uova, burro e zucchero (cercando una scusa per poter accendere il forno) si gioca a casetta, nel caldo tepore delle nostre cose più amate.

Il mio ristorantino non ha l'impianto di riscaldamento: scaldiamo tutto con le stufe a legna, il fuoco amico ci regala un caldo che nessun altro combustibile sa produrre. Il fuoco, oltre che calore è magia, il fuoco è compagnia, il fuoco è luce, è profumo. Il fuoco asciuga.

E sopra il fuoco, per creare un pò di vapore, da tempi antichi, si pone una pentola con dell'acqua.

Per far sì poi, che l' aria profumi, ci metto un pugno di ognuna di queste cose:

  • Anice stellato
  • Semi di Cardamomo
  • Cannella
  • Chiodi di garofano
  • Fiori secchi di Lavanda
  • Fette di arancia e limone
  • Tisana ai frutti di bosco oppure al vin brulè

Sulla stufa ci vuole l'acqua per umidificare l'aria e se l'acqua è aromatizzata, l'aria diventa profumata!

Sulla stufa ci vuole l'acqua per umidificare l'aria e se l'acqua è aromatizzata, l'aria diventa profumata!

... e il profumo che ne esce mi ricorda il bucato pulito, il vento, il sole... e anche se l'inverno è lungo, come spesso è da noi, anche star chiusi in casa diventa tanto piacevole.

Torna su

Commenti

Non ci sono ancora commenti a questa news

Aggiungi un commento

I campi segnati con l'asterisco sono obbligatori

Torna su

Vai all'archivio delle news per leggere le precedenti.